Crea o restaura la tua cornice con RAY MODEL!

È davvero semplice e divertente.

Con RAY MODEL crea il calco del particolare di cornice che intendi riprodurre. Preleva dai due barattoli un egual quantitativo di prodotto (in rapporto 1:1, senza troppa precisione, le quantità vengono fatte “ad occhio”), miscela e applica RAY MODEL sulla cornice.

Attendi circa 5 minuti (a 23 C di temperatura), quindi rimuovi lo stampo e il gioco è fatto!

Guarda il video dimostrativo

RAY MODEL è l’ideale per la preparazione di stampi, per il rilievo di profili e per la riparazione di manufatti danneggiati. È atossico, senza  scadenza  e resiste fino a temperatura di 200oC, per cui puoi colare all’interno qualsiasi tipo di materiale (nel video abbiamo utilizzato la resina epossidica, RAYRESIN).

Per qualsiasi informazione, visita il sito Raytech

Siliconi Raytech – Cosa sono

I prodotti siliconici Raytech, per i componenti impiegati e per le formulazioni studiate, hanno, oltre le elevate caratteristiche già descritte, anche una elevatissima resistenza agli agenti chimici.
Innanzi tutto sono, per definizione siliconi idrofughi; resistono a tutti i tipi di acqua, salata, inquinata ecc., anche quando ad elevata temperatura. Sono inoltre siliconi resistenti ai composti inorganici, specie se in soluzione acquosa.
Resistono anche a soluzioni acquose di componenti organici; qualora le concentrazioni dovessero risultare forti, si potrebbe arrivare ad un leggero indurimento sulla superficie esposta.
Sono invece da evitare immersioni complete, prolungate e ad alta temperatura in idrocarburi puri.
Senza effetto esposizioni momentanee a questi ultimi.

Siliconi  – acquista on line -

Siliconi – Caratteristiche dei prodotti Raytech

I prodotti siliconici Raytech, grazie all’adeguata ed attenta formulazione, ai componenti impiegati ed al processo di produzione, presentano:

· Elevatissime caratteristiche dielettriche

· Elevatissime temperature di esercizio (normalmente 200°C)

Tempi di reticolazione che, per i prodotti standard, sono contenuti in modo da consentire rapidità di installazione e di conseguenza elevate produttività.

Siliconi – Applicazioni

“Proseguendo nelle possibili gamme di applicazione, le gomme siliconiche trovano impiego in svariati campi; si riportano alcuni esempi:

* Preparazione di stampi che consentono, grazie alle elevate temperature di esercizio delle gomme Raytech, anche per colate di materiali caldi
* Impieghi in svariati campi del modellismo e del fai da te, sia come preparazione stampi, che come prodotto finito, che come coperture ecc.
* Nel campo del restauro, come rilievo di impronte e preparazione di stampi”

Siliconi – Tipologie in funzione dei componenti addizionati

Una volta definito che cosa è il silicone, ed in particolare le tipologie Raytech, possiamo dire che, in funzione degli componenti addizionati alla formulazione di base, si possono ottenere:
• Gel siliconici
• Gomme liquide che, una volta mescolate e reticolate, danno un composto elastomerico a base siliconica
• Gomme in pasta che, , una volta mescolate e reticolate, danno ancora un composto elastomerico a base siliconica

I gel siliconici hanno un bassissimo modulo elastico e, nel caso dei gel Raytech, una altissima purezza; a queste caratteristiche si aggiunge una elevata facilità di rimozione.
Le gomme liquide hanno il vantaggio di essere, grazie alla colabilità, estremamente avvolgenti e conformanti; sono autolivellanti una volta colate.

Le gomme in pasta, duttili e malleabili durante la mescolatura, sono facilmente modellabili ed adattabili a mano.

Siliconi a basso modulo elastico – Raytech Gel

Dopo aver visto la formulazione dei siliconi e delle gomme siliconiche, veniamo a descrivere particolari tipi di gomme a bassissimo modulo elastico, altrimenti denominate gel.

Come ormai noto alcuni tipi di silani (composti macromolecolari silicei), caratterizzati da particolari radicali organici, vengono separati, purificati, idrolizzati e, mediante l’eliminazione di molecole di   H₂O, portati a formare le catene silossaniche.

Catene silossaniche lineari molto pure vengono, mediante un processo di reticolazione incrociata, legate tra loro in modo trasversale con la creazione di ponti tra le stesse, arrivando ad originare elastomeri siliconici detti anche “gomme siliconiche”.

Quando nella matrice reticolata viene disperso, in una certa percentuale, un olio siliconico lineare, le caratteristiche meccaniche ed elastiche vengono abbassate per effetto della dispersione: il composto reticolato risulta più morbido, meno elastico, caratterizzato da una certa adesività superficiale, molto conformante, fluido nella colata prima della reticolazione. Inoltre la reazione di reticolazione risulta assolutamente a 0 esotermia (reazione non esotermica).

Elevata la resistenza all’esposizione a solventi, all’acqua, anche inquinata, o di mare, o con composti in soluzione, alle alte temperature. Grazie alle sue caratteristiche è un ottimo silicone sigillante.

La sua morbidezza ne fa un eccezionale “shock absorber”, impiegabile anche in campo medicale.

Gel siliconici   – acquista on line -

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274